Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Intervista a Bazie (The 69 Eyes)

Intervista di Alessia & Michela, Helsinki 30 dicembre 2013

Traduzione a cura di Alessandra

L'helldone non è stato soltanto un'occasione per vedere la nostra band del cuore, ma un momento unico per stare assieme agli amici e godere della musica che questa terra offre. Il 30 dicembre nel tempio del rock di Helsinki si è esibita un'icona di questa terra... The 69 Eyes. Grazie alla straordinaria gentilezza di Tiina Vuorinen e della crew della band siamo riuscite a fare quattro chiacchiere prima dello show con il loro chitarrista.

Bazie e la voglia di fare e di scrivere buona musica...

 

Ciao Bazie, è un piacere per noi incontrare il compositore di tutte le musiche di The 69 Eyes! Il vostro album X è stato rilasciato più di un anno fa. Cosa è successo in questo periodo? Siete soddisfatti o vi aspettavate qualcosa di più?
Sì, sono abbastanza soddisfatto. Siamo stati in tour per tutto questo tempo, ma abbiamo provato un approccio diverso con il tour, questa volta. Ci è voluto un po 'di più ma non è stato stressante. Ovviamente ci aspettavamo più vendite con l'album, ma siamo abbastanza soddisfatti, siamo soddisfatti dei risultati, abbiamo avuto una buona risposta da parte dei fan.
Abbiamo avuto un approccio melodico, rispetto a Back in Blood. Con ogni album devi sapere dove vuoi andare a parare .
Sì, ogni fan ama un particolare album, è un po' difficile accontentare tutti e cercare sempre qualcosa di nuovo...
Sì, ognuno ha i suoi preferiti, nel bene e nel male, quindi con ogni album è necessario discutere quale direzione si dovrebbe prendere, anche con il produttore. Questo è un bene quando ci sono persone che rispondono. Il feedback è diverso, uno non si ascolta, voglio dire... quando stai registrando ascolti la tua musica mille volte, poi hai bisogno di lasciar perdere... scrivo tutta quella roba, quindi... ci sono gli altri ragazzi della band che hanno altri atteggiamenti e questo accade in tutte le band. Ogni volta cambiamo qualcosa o almeno ci proviamo, quindi le aspettative, le nostre e dei nostri fan, sono più alte. Noi facciamo del nostro meglio, sempre. La cosa più importante è non concentrarsi solo sui risultati. Voglio dire, una canzone è buona quando è fluida, ha bisogno di una propria direzione, lo sai. Ci consideriamo molto fortunati a fare questo lavoro.
Avete suonato molte volte in Italia, le persone sentono e amano The 69 Eyes, è un pubblico pazzesco.
Sì, è davvero forte, amiamo suonare in Italia! I fan sono buoni, non ho niente di cui lamentarmi a riguardo! *ride*
Tu  scrivi tutta la musica della band. Da dove inizi, solitamente? Dal testo della canzone o da qualcos'altro?
No, solo qualche volta è stato il testo, ma spesso si inizia da una melodia o da qualsiasi altra cosa. Dipende, ma di solito registro una demo e la do a Jyrki. Lui ci lavora su, gli dà un titolo o un testo, e poi continuiamo a lavorare.
Abbiamo avuto un approccio diverso con questo album. Di solito partiamo da una melodia, da un riff, dipende da cosa vogliamo ottenere, se vogliamo un pezzo più melodico o più pesante. A volte si parte dalla batteria, come in "Back In Blood". La fase di registrazione è sempre interessante. Si fa con un produttore diverso, diversi ragazzi, produci la tua idea, quindi... devi preparare la mente.

Siete insieme da quando la band è nata, senza alcun cambio di line up. Qual è il vostro segreto, in un momento in cui i cambiamenti di line up avvengono quasi ogni giorno in ogni band?
Sì, è abbastanza difficile tenere insieme teste diverse e farle andare d'accordo, soprattutto quando si sta registrando un nuovo album. C'è così tanta energia e ci si innervosisce facilmente. A volte ci siamo confrontati circa la possibilità di avere un tastierista, ma è difficile quando si è insieme da molto tempo, soprattutto in tour.
Sì, ogni artista ha la sua personalità e, a volte, non è facile andare d'accordo, credo...
Sì, e opinioni diverse. Noi non dobbiamo essere d'accordo su tutto, ma si sa... Mi piace decidere la scaletta che dobbiamo suonare oggi e abbiamo diverse opzioni.
Recentemente abbiamo ascoltato di nuovo le vostre vecchie canzoni, vi abbiamo anche visto al M'era Luna Festival la scorsa estate... è stato un grande spettacolo, e quando abbiamo ascoltato di nuovo Wasting the Dawn abbiamo trovato molte somiglianze tra il vecchio materiale e il nuovo album...
Grazie! Sì, ho capito cosa vuoi dire, ognuno di noi ha il suo modo di avvicinarsi alla musica e vive il sentimento musicale a suo modo. I sentimenti che si provano durante l'ascolto di un brano non sono uguali per tutti. Ma sì, penso che in X ci sia gran parte degli album più vecchi. A proposito del nuovo album... non si sa mai come la gente risponderà. Questa è la parte più difficile da fare nella musica: mantenere la sensibilità nella musica, nella canzone.
C'è una canzone o un album sei particolarmente orgoglioso?
Uhm... direi che tutti gli album sono buoni. Ognuno è diverso, con ogni album che abbiamo realizzato qualcosa e ogni album ha un suo significato. Naturalmente quando si ottiene più successo con l'album, quei momenti si ricordano di più, perché si suonano più concerti e tutto il resto, ma ogni album ha qualcosa. Del primo sei orgoglioso perché è il primo, ma ognuno di essi ha un suo significato perché sono totalmente diversi l'uno dall'altro. Devils era un grande album, e anche Back in Blood.. siamo orgogliosi di ognuno di loro per molte ragioni.
Quali sono i progetti per il futuro? Stai già lavorando su nuovo materiale?
Sì, stiamo scrivendo nuove canzoni, questo è il progetto principale. Poi faremo alcuni concerti in aprile e maggio, i festival, ancora una volta il tour in settembre e ottobre, e poi sarà il momento di tornare in studio, provare il nuovo materiale e vedere cosa succede. Non abbiamo alcuna data di uscita prevista, al momento. Siamo concentrati sul tour, per ora. È necessaria l'atmosfera giusta per comporre una canzone, e si scrive più facilmente con un po 'di relax, un po' di tempo per se stessi, con il silenzio... è abbastanza comune tra i musicisti. Quando si vive in un tourbus non si ha la pace necessaria a scrivere.
Essere nato in Finlandia ha influito sul tuo modo di scrivere canzoni?
Non è così importante dove sei nato, non te ne rendi conto. E ' importante come si vive. La Finlandia è importante. Ho anche scritto da qualche altra parte, ma non se ne va, comunque. Ho vissuto sei mesi a New York, e ne è uscito un album totalmente diverso. Comunque nel primo album penso di sì, ha influito, ma adesso suoniamo da così tanto tempo che non ci pensiamo più. In Finlandia ci sono molti posti differenti, ma sicuramente quello che ti tocca è la musica che si sente, tutta la roba che incontri da bambino.
Ci sono alcuni posti in cui ti piacerebbe suonare, ma in cui non avete ancora la possibilità di andare?
Sì, il Sud America. Il nostro album X ha avuto un grande successo lì, e non suoniamo lì da molti anni. Anche in Nord America, ma personalmente vorrei tornare a sud. Hanno molte aspettative su di noi, ci sono molte differenze tra il Nord America e il pubblico sudamericano. Non è come in Europa, dove non ci sono così tante differenze tra i diversi paesi. I sudamericani sono pazzi! Mi piacerebbe anche andare in Australia.
I fan nordamericani di solito non sentono la musica come gli europei. Non si affezionano facilmente a una band perché hanno tanta musica, tanti gruppi diversi... si distraggono facilmente…
Sì, hanno questo tipo di approccio, infatti.
Ok... visto che siamo fan degli HIM, puoi dirci cosa pensi di questi cinque ragazzi finlandesi?
Ho sempre amato la band, conosciamo Ville da tempo. Ha cantato in Wasting The Dawn, Blessed Be, Paris Kills e Devils. Abbiamo anche suonato insieme in molti festival in Austria e Germania, così ogni volta che ci vediamo è un piacere. Sono fedeli a se stessi e molto con i piedi per terra, fanno quello che vogliono. E ' bello vedere che hanno una fanbase fedele. C'è un ingrediente magico nella band. Grandi ragazzi, grande band! E il nuovo album è buono. 

You have no rights to post comments

template joomlatemplate joomla gratis
2019  The Heartagram Path   globbers joomla template