Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Hiili Hiilesmaa: Ville sapeva chiaramente cosa voleva

Il The Heartagrma Path ha avuto l'onore e il piacere di intervistare Hiili Hiilesmaa, produttore di numerosi album degli HIM e non solo.
Lo ringraziamo di cuore per tutta la gentilezza e la disponibilità che ha dimostrato nei nostri confronti!


In questa intervista cercheremo di parlare di Hiili Hiilesmaa in qualità di musicista e produttore, ripercorreremo assieme alcune delle tappe della sua carriera legata agli HIM.

Intervista a cura di lovehim- Giada per il The Heartagram Path

Traduzione Inglese a cura di Drownsindawn - Alba @ THP



Hiili Hiilesmaa
è nato a Helsinki nel dicembre del 1966.
La sua carriera come produttore musicale professionista e di successo inizia nella metà degli anni ’90.
Svariati sono gli stili sui quali ha lavorato, anche se si è concentrato soprattutto sul genere Metal.
Ha lavorato con band del calibro di HIM, Apocalyptica, The 69 Eyes, Sentenced, Lordi, per nominarne alcuni.
Gli album da lui prodotti hanno venduto oltre tre milioni di copie in tutto il mondo.
Hiili Hiilesmaa, oltre che essere un produttore, è anche un musicista.
Agli inizi degli anni ’90 è stato il batterista dei Road Crew, band che ha pubblicato quattro album.
Successivamente ha militato come tastierista negli Itä- Saksa, gruppo che ha all’attivo tre album.
E’ anche la voce dei The Skrepper, una psykogaragepunk-band, con quattro dischi pubblicati fino ad ora.
L’ultima band nella quale ha preso parte in qualità di batterista sono gli KYPCK, che fino ad ora hanno pubblicato un album Cherno.

Scheda biografica tratta dal sito ufficiale di Hiili Hiilesmaa.

 


HIM Album Produced by Hiili Hiilesmaa

1996: 666 Ways to Love

1997: Greatest Love Songs Vol.666 - HIM

[2001: The King Of Rock’n’Roll - Daniel Lioneye ]

2003: Love Metal

2004: And Love Said No (some tracks)

2007: Venus Doom (+3 Re-mixes)

[2010: Vol. II - Daniel Lioneye]

 

Clicca su Leggi Tutto per l'intervista completa!

The Heartagram Path:
Ingegnere del suono, produttore di grande successo e artista a tutto tondo (batterista, chitarrista e cantante). La musica rappresenta una parte importante della sua vita. Come è nata questa grande passione?

Hiili Hiilesmaa: Mia nonna, Gunnel Hiilesmaa, era una cantante lirica e insegnante di canto. E' stata lei ad introdurmi alla musica Mi ha anche insegnato a registrare, quando lei registrava i suoi studenti!


THP: Parlando della sua carriera di musicista, quali sono state le influenze che hanno caratterizzato il suo percorso artistico?

HH: KISS, Led Zeppelin, Jimi Hendrix e una band Finlandese chiamata Hurriganes, per nominarne alcuni.

THP: Quali sono i suoi progetti futuri? C’è qualcosa in cantiere che la vedrà di nuovo vestire i panni di musicista?
HH: Si, la mia band KYPCK ha appena terminato le registrazioni del nostro secondo album. L'altra mia band, i The Skreppers ha appena finito le registrazioni del nostro quinto album. Ho anche iniziato un progetto con il mio cugino Belga "Af Ursin" nel quale creiamo musica utilizzando le registrazioni delle nostre nonne (morte ormai 9 anni fa), con le cassette e le loro voci come modelli..
E' la prima volta che intraprendo una sessione di registrazione con una persona morta!

THP: La figura del produttore musicale sembra essere cambiata nel corso degli anni. Cosa vuol dire essere un produttore musicale ai giorni d’oggi? E’ cambiato qualcosa per lei dagli esordi?

HH: Penso che l'attrezzatura per le registrazioni sia totalmente cambiata, anche da quando mi occupo di questo settore.
Ma la produzione attuale non è cambiato affatto. E' sempre la stessa cosa: Musica e Persone.

THP: Ha incontrato Ville per la prima volta nel 1993, quando quando, a 15 anni, suonava il basso nei Donits-Osmo Experience. Questa vostra amicizia prosegue nel tempo, fino a portarvi, poi alla realizzazione del primo demo degli HIM, 666 Ways To Love: Prologue, registrato in soli cinque giorni nel centro giovanile di Munkiniemi. Quali sono state le impressioni che ha avuto del Ville adolescente che ha conosciuto? Riusciva ad immaginare che gli HIM avrebbero ottenuto il successo mondiale che si sono così duramente guadagnati?

HH: Sì, già allora aveva due principali caratteristiche che rappresentano la chiave del successo degli HIM: sapeva chiaramente ciò che voleva e aveva già il suo stile di cantare e carattere.

THP: Nel 1997 gli HIM hanno pubblicato il loro primo album, Grestest Love Songs Vol.666, registrato in parte al centro giovanile di Munkkiniemi e in parte a Jokela, mixato poi da lei presso i Finnvox studios in meno di una settimana. Si può dire che lei abbia aiutato la band a trovare il suo stile?

HH: Musicalmente avevano già il loro stile quando abbiamo iniziato. Il mio ruolo principale è stato quello di occuparmi del suono e fare in modo che le cose filassero in studio. Al mattino Ville si fece tatuare il braccio e la sera facemmo le registrazioni, ah ah!

THP: Facciamo un piccolo salto avanti nel tempo. Per cercare di salvare il centro giovanile di Munkkiniemi, dove hanno mosso i primi passi nel mondo musicale molti artisti ormai famosi e conosciuti, alcuni dei membri di stimate band, si sono riuniti nell’Ottobre del 2008 per registrare la cover dei Ramones, Rock’n’roll High School.
Ha preso parte anche lei a questo progetto? Se sì, in che modo? Sono riusciti a salvare il centro giovanile, che lei sappia?

HH: Si, ci sono riusciti! Mi era stato chiesto di partecipare, ma credo che fossi in viaggio o che stessi facendo altro, in quel periodo.

THP: Nel 2003 ha prodotto l’album il cui titolo è il nome dello stile musicale che Ville ha coniato per la sua band: Love Metal.
Il disco contiene le intramontabili The Funeral Of Hearts, The Sacrament, Buried Alive By Love, sulle cui note stuoli di fans sono sempre pronti a scatenarsi, cantare e sognare.
Quale è stato l’atteggiamento della band nei confronti di questo album, dal momento che il successo era già entrato a far parte della loro vita?

HH: Le stelle erano nella posizione giusta e siamo riusciti a fare una grande album. Ci sono tante cose che devono funzionare perfettamente per poter creare una formula vincente.

THP: Con Venus Doom, sesto studio album degli HIM, si assiste ad un ritorno graffiante e cupo alle origini. Venus Doom è un capolavoro di sound e liriche, che riescono a fondersi per dare vita a poesie in musica. Come colloca questo album all’interno della loro discografia?

HH: Penso che sia stato fantastico e davvero coraggioso da parte dei ragazzi lavorare su di un disco non commerciale, dopo il grande successo ottenuto da Dark Light. Questo prova che ciò che a loro interessa è la musica, non di ottenere sempre più successo.

THP: La discografia degli HIM è costellata da album che, nella loro diversità, rappresentano un percorso musicale attraverso vari generi e stili, anche se in essi si possono trovare dei motivi di connessione generale. Secondo lei, quale è l’album che maggiormente rappresenta gli HIM e il loro Love Metal nella sua pura essenza?

HH: Penso Love Metal, ah ah!

THP: L’heartagram, molto caro a tutti i fans degli HIM, rappresenta il dualismo che sta alla base di tutta la filosofia degli HIM. Sebbene il logo sia stato creata da un Ville molto giovane, ha un significato molto profondo.
E’ un simbolo che forse precede la fama della band, per coloro che non sono del settore.
Quanto è importante secondo lei, per il successo di una band, l’identificazione di tutta l’ideologia che musica e liriche racchiudono, in un simbolo?

HH: Sicuramente è importante! E' come la "M" di McDonald's ;) ;)

THP: Per concludere l’argomento HIM, volevamo chiederle un parere sulla loro ultima impresa discografica. Screamworks: Love In Theory And Practice.

HH: Credo che sia ancora una volta un passo verso qualcosa di nuovo, il che è molto importante per permettere ad un gruppo di fare una lunga carriera.
Anni fa abbiamo fatto una demo session di queste canzoni ed è divertente paragonarle al risultato finale!

THP: Durante le registrazioni di Deep Shadows and Brilliant Highlights, è nata l’idea del side project dei Daniel Lioneye, che vede al microfono Linde, alla batteria Ville, al basso Migè. Come è nata la sua collaborazione con i ragazzi?

HH: Dovete chiedere a Linde, ma tutti i ragazzi hanno delle perversioni musicali...

THP: Ad Aprile 2010, i Daniel Lioneye ritorneranno sulla scena con un nuovo album, che a detta di Linde, rappresenta una sorta di sfogo del difficile periodo che in questi ultimi anni ha attraversato. Ville (che è stato sostituito alla batteria da Bolton, carissimo amico di Linde) e Migè non hanno preso parte a questo nuovo progetto, anche se Migè è stato di aiuto a Linde nella stesura dei testi. Lei si è occupato della produzione e del mixaggio del disco.
Dalle preview che si possono ascoltare su MySpace o su store on-line, questo nuovo disco rappresenterà un qualcosa di totalmente diverso dal precedente.
Cosa dobbiamo aspettarci da questo album?

HH: Come ho detto, tutti i ragazzi hanno delle perversioni musicali, ma credo che al momento quella di Linde sia la peggiore ... ;)

THP: I Negative sono un altro dei nomi che ha aggiunto al suo lungo curriculum di produttore musicale. Nel 2006, infatti, la vediamo impegnato nella produzione di Anorectic, il loro terzo album. Cosa ne pensa, oggi, di loro? Com'è s'è evoluto il loro stile in questi quattro anni e cosa si aspetta dal futuro, considerando che si apprestano a fare il loro debutto mondiale dopo il passaggio alla Warner Music?

HH: Sono dei ragazzi fantastici, ed è divertente lavorare con loro. Recentemente non li ho seguiti molto, dunque mi è difficile rispondere a questa domanda :)


Grazie!
Hiili



VISITATE:
The Skreppers Official Site

Commenti   

#1 ele 2010-05-04 20:42
Wow fantastico! =D

You have no rights to post comments

template joomlatemplate joomla gratis
2019  The Heartagram Path   globbers joomla template